1Claytec PANNELLO ARGILLA D20/D25

Pannello per costruzioni a secco per interni in argilla; funge da pannello e da intonaco di argilla in un unico prodotto.

Settore d'impiego
Il pannello in argilla viene utilizzato per parete interne, contropareti nelle costruzioni in legno, controsoffitti e sottotetti. Grazie ai suoi straordinari valori di assorbimento e al relativo effetto per la qualità degli ambienti, insieme agli intonaci di argilla Claytec porta i vantaggi dell'argilla nelle moderne costruzioni a secco leggere. Il pannello in argilla si compone di argilla da costruzione o terra, cannucciato e juta, oltre ad additivi vegetali e minerali. Lo spessore è di 20 o 25 mm, le dimensioni sono di 1,50 m x 0,625 m. Si può tagliare, fissare e lavorare facilmente con utensili semplici. Il pannello in argilla risponde a tutti i requisiti dei professionisti delle costruzioni a secco tradizionali, ed è adatto anche per gli amanti del fai da te. Caratteristica d'eccezione dei pannelli in argilla sono le sue proprietà fonoisolanti. Anche nelle costruzioni meno impegnative si ottengono componenti molto efficaci dal punto di vista fonotecnico, sempre a vantaggio del benessere abitativo.

Composizione
I pannelli in argilla hanno uno spessore di 20 mm o di 25 mm. Per il fissaggio consigliamo apposite viti per pannelli in argilla. Lo strato di armatura si compone di COLLANTE-RASANTE IN ARGILLA e RETE DI LINO. Un sacco è sufficiente per ca. 5 m² di superficie; i rotoli di tessuto sono larghi 1 m e lunghi 100 m o 35 m. Per il rivestimento finale in argilla sono disponibili diversi prodotti, riportati più sotto.

Dati tecnici

Dimensioni 150x62,5cm x 25mm (sp. 25), 150x62,5cm x 20mm (sp.20)
Peso specifico apparente ca. 700 kg/m³
Valore λ* 0,13 W/mK
Valore μ* 18

*Valori λ e μ in base alle misurazioni del pannello in argilla sp. 25. Valori tabella d "Lehmbau Regeln", regole per le costruzioni in argilla della Dachverband Lehm e.V.: λ=0,21W/mK, μ=5/10

Sottostruttura
Le sottostrutture per pareti e soffitti con pannelli in argilla vengono realizzate come di consueto per le costruzioni a secco; la distanza (interasse) è pari a 37,5 cm (pann. 20 mm su pareti e soffitti/spioventi, pann. 25 mm su soffitti/spioventi) o 50 cm (pann. 25 mm su pareti). Si possono utilizzare tavole di legno o travetti.
La sottostruttura deve essere a 90 gradi rispetto alla disposizione longitudinale dei pannelli, quindi un pannello dello spessore di 25 mm copre 3 sezioni (150 cm/3 = 50 cm), uno di 20 mm copre 4 sezioni (150 cm/4 = 37,5 cm). Se, in via eccezionale, i pannelli vengono posati parallelamente alla sottostruttura, ad es. tra le travi del soffitto, la distanza della sottostruttura deve essere al massimo di 31,25 cm (= 62,5 cm/2). I giunti tra i lati corti dei pannelli vanno realizzati sulla sottostruttura; in via eccezionale è possibile realizzarli sul posto, come indicato nella prossima pagina. I giunti tra i lati lunghi dei pannelli non hanno bisogno di sostegno. Se la sottostruttura viene realizzata prima della fornitura dei pannelli, è necessario considerare le tolleranze dimensionali dei pannelli.
I pannelli in argilla non devono essere fissati direttamente su parti della struttura portante, come pali e travi, perché non si possono escludere movimenti della struttura portante che potrebbero causare crepe. Pertanto va sempre prevista una sottostruttura separata (listellatura). Le superfici sulle quali si prevede di applicare intonaco di argilla colorato o un'altra finitura superficiale elaborata devono disporre di una sottostruttura particolarmente stabile.

Posa e fissaggio dei pannelli in argilla

I pannelli in argilla si possono tagliare con un foretto o una sega circolare manuale; per la sega circolare si consiglia l'uso di una lama temprata. Sono adatte anche taglierine oscillanti.
Il fissaggio su legno va effettuato con viti zincate per pannelli di argilla, su profili di metallo in lamiera sp. ≥ 0,7 ad esempio con viti autoforanti per serramenti (testa piana svasata, autofilettanti, blu passivate, zincate). Le viti vanno inserite in modo da essere a filo con la superficie del pannello o di fuoriuscire al massimo di 1-2 mm. Attenzione: nelle stanze da bagno devono essere utilizzati elementi di fissaggio resistenti alla corrosione. Viti e rondelle zincate non sono sufficienti! Il pannello in argilla può essere avvitato fino sul bordo. Su ogni sottostruttura in legno sono necessari 3 punti di fissaggio; le viti devono essere distanti fra loro di 25-30 mm (interasse).
Per il pannello di 20 mm di spessore sono quindi necessarie 15 viti, per uno di 25 mm di spessore 12 viti. Sono possibili fissaggi con graffe a spalla larga testate, larg. 25 mm (distanza graffe > 50 e < 100 mm, distanza dal bordo > 20 mm, prof. di penetrazione > 20 mm).
Se i pannelli in argilla non devono essere applicati sulla sottostruttura, è necessario realizzare dei giunti sul posto, con strisce di compensato o simili larghe almeno 8 cm e spesse 10 mm. Le strisce devono arrivare anche dietro i pannelli superiori e inferiori ed essere avvitate a essi.
Di regola, i pannelli in argilla vanno applicati con giunti sfalsati, quindi i giunti verticali non devono sovrapporsi (come per il montaggio verticale). L’interasse deve essere di almeno 30 cm, meglio se 50-75 cm. Non sono consentiti giunti orizzontali e verticali in prosecuzione di aperture per porte e finestre; in questi casi, i pannelli di giunzione devono essere tagliati a L. I giunti tra pannelli non vanno incollati.

Strato di armatura
Prima dell'intonacatura è necessario eliminare la polvere dalle superfici dei pannelli, spazzando accuratamente; se necessario, inumidire leggermente le superfici tramite nebulizzazione. I giunti di larghezza superiore a 1-2 mm e le cavità dovute ai fori delle viti devono essere intonacati con il COLLANTE-RASANTE in argilla Claytec.
Le superfici vanno coperte con uno spessore di 3 mm di collante-rasante in argilla. Si è dimostrato efficace applicare il prodotto con un frattazzo e successivamente levigare con una spatola dentata, dentatura 8 mm, angolo di lavorazione ca. 45°. In questo modo è più semplice distribuire uniformemente il collante sulla superficie. Il collante-rasante può anche essere spruzzato con l'intonacatrice; in questo caso, non sono necessari tempi di riposo. Con una resistenza alla compressione pari a 3,9 MPa e un'aderenza di 0,85 MPa, il collante-rasante in argilla stabilizzato con cellulosa garantisce la stabilità ideale a tutta la costruzione. La RETE IN FIBRA DI LINO Claytec va applicata su tutta la superficie ancora umida. Il collante-rasante in argilla assorbe l'acqua meglio dell'intonaco di argilla, il che rende possibile l'armatura su tutta la superficie. Ciò va considerato a livello tecnico ed economico prima di procedere alla consueta armatura dei giunti. Qualora si desideri comunque armare i giunti, saremo lieti di fornire informazioni tecniche specifiche. Prima del trattamento successivo, lo strato di armatura deve essere completamente asciutto.

Rivestimento finale in argilla
Semplice: applicare l'Intonaco di finitura Claytec FEIN 06 con uno spessore di 2-3 mm. La superficie va generalmente levigata. Dopo l'asciugatura, preparare le superfici con il primer DIE WEISSE. Quindi applicare YOSIMA PITTURA CLAYFIX IN ARGILLA O LA PITTURA D'ARGILLA.
Liscio: applicare, se necessario più volte, lo STUCCO D’ARGILLA Claytec sull'intonaco di finitura in argilla a grana fine con uno spessore ≤ 0,5 mm per chiudere i pori. Il materiale può essere carteggiato. È possibile ottenere superfici di qualità Q3, applicare come indicato in precedenza.
YOSIMA Intonachino design di argilla: preparare lo strato di base e di armatura con particolare attenzione e livellarlo.
YOSIMA Intonachino design di argilla è disponibile in 140 tonalità naturali, con intensità di colore originali (senza coloranti e pigmenti), e si applica nello spessore di 2 mm. Lisciare o levigare le superfici e, dopo l'asciugatura, pulire a secco o con acqua. Il materiale ha un'ottima stabilità superficiale. Con Yosima SPATOLATO D'ARGILLA è possibile ottenere superfici colorate particolarmente lisce.
L'intonaco di argilla colorato a grana grossa / intonaco di finitura in argilla a grana grossa è indicato solo limitatamente come finitura, i pannelli devono possibilmente restare asciutti. Per questo motivo gli intonaci a grana grossa devono essere applicati solo in casi eccezionali e con uno strato sottile (7 mm).

Avvertenze
Le indicazioni contenute nei fogli di lavoro sono frutto di anni di esperienza nelle costruzioni in argilla e nell'utilizzo dei nostri prodotti. Esse non hanno carattere giuridicamente vincolante. Sono indispensabili una sufficiente esperienza artigianale e conoscenze adeguate in materia di opere edili di questo tipo.